Venerdì, 28 Aprile 2017 14:27

Il Museo del Rugby, Fango e Sudore. A pochi chilometri da Roma una delle collezioni più importanti al mondo

  • Condividilo su:

A pochi chilometri da Roma ha sede una delle collezioni “ovali” più importanti al mondo. Sono infatti oltre quindicimila gli oggetti custoditi dalla Fondazione “Fango e Sudore, Il Museo del Rugby”, con sede a Colleferro.

Lo spazio espositivo si sviluppa su 400 metri quadrati, con nove sale suddivise per aree geografiche che guidano il visitatore alla scoperta della storia del rugby mondiale, con una vastità di cimeli delle diverse epoche e provenienze, tra cui fotografie, manifesti, trofei, gagliardetti, palloni, libri, cravatte, pins.

Al centro della collezione le oltre millecinquecento maglie da rugby che coprono un arco temporale di oltre ottant’anni, dalla prima partita della Nazionale Italiana disputata a Barcellona nel 1929 ad oggi.

Il museo ospita anche la mostra fotografica “Obiettivo Ovale” di Sabrina Conforti, le opere artistiche di Roberto De Pascale, le mostre personali dedicate ai Fratelli Vinci, padri fondatori del rugby romano ed in campo nella prima partita dell’Italia del 1929, e a Mario Battaglini, icona del rugby italiano.

Nata sotto forma di collezione privata grazie alla passione di Corrado Mattoccia, ex giocatore di rugby ed anche presidente della società femminile Artena Rugby Red Blu, formazione partecipante alla massima divisione nazionale in rosa -  è divenuta fondazione nel novembre 2012.

Continua a leggere scaricando l’allegato a fondo pagina…

Accedi al sito del Museo del Rugby

La sede espositiva del Museo è in Via Carpinetana Sud 144 (Il Cubo), 00034 Colleferro (Roma)